Geografia e Letteratura

 

Obiettivi del gruppo

Negli ultimi decenni si è imposta, con crescente forza in ambito internazionale e nazionale, la necessità di aprire gli spazi della ricerca geografica anche ad approcci di carattere umanistico, utile a comprendere  anche i significati culturali espressi dall’agire territoriale delle comunità antropiche.

Dal momento che la percezione dei luoghi e dei paesaggi non è sempre e necessariamente il risultato di un’interazione diretta con il territorio, la loro comprensione può essere mediata da rappresentazioni artistiche di diversa forma e natura, che possono incidere in maniera rilevante sul significato e sul valore attribuito alla realtà geografica dai singoli soggetti così come dai diversi gruppi umani. Nell’ambito di tali variegate rappresentazioni, la conoscenza del vasto mondo attraverso la letteratura e quindi le parole di scrittori, saggisti, narratori, poeti e viaggiatori risulta potenzialmente assai produttiva per la nostra disciplina. In questo senso dunque, “Letteratura e Geografia” trovano un terreno comune di azione nell’attenzione verso la realtà introspettiva, il vissuto spaziale dell’uomo e quindi la sua soggettività espressa da valori culturali e psicologici. Il testo letterario (nelle sue diverse forme) assume in questa prospettiva un ruolo centrale nella ricerca geografica, non solo come fonte di informazioni o come espressione simbolica di esperienze territoriali, bensì anche come documento geografico a sé stante, oggetto centrale di ricerche volte a riflettere sul valore soggettivo della relazione con i luoghi (Frémont, 2005).

Con queste premesse si è costituito il presente Gruppo A.Ge.I, per proporre una riflessione approfondita (e già condivisa da diversi studiosi attraverso le loro produzioni), volta a rafforzare il dialogo tra geografia e letteratura già avviato in Italia da Fabio Lando (1993) e Maria De Fanis (2001).

Un primo obiettivo consiste nello studio dettagliato e quindi nella sistematizzazione rigorosa di ciò che la geografia scientifica può ricavare da una migliore conoscenza delle produzioni letterarie e dei letterati. Questi ultimi, con il loro talento e le loro intuizioni, esplicitano spesso le percezioni collettive oppure evocano valori espressi dai paesaggi e dai luoghi. Sono molti e illustri, impossibili da citare tutti, gli approcci teorici stranieri che sottolineano questo fatto e l’interdisciplinarietà tra letteratura e geografia (Bachelard, 1975; Salter e Lloyd, 1977; Mallory e Simpson-Housley, 1987; Tissier, 1992; Chevalier, 2001; Rosemberg, 2016). Anche molti autori italiani interessati al valore euristico, descrittivo e documentario della letteratura evidenziano come lo spazio vissuto sia un elemento comune di interesse per le due discipline (Bailly e Costantino, 1987; Lucchesi, 1995; Brusa, 1998; De Fanis, 2001; Persi, 2003; De Vecchis, 2005; Lando e Voltolina, 2005; Corna Pellegrini, 2007; Scaramellini, 2008; Marengo 2016). Prova ne è stato anche il recente Congresso Nazionale AGEI di Roma dove l’adesione alla sessione “Geografia e Letteratura/Géographie et Littérature” coordinata dallo scrivente in collaborazione con la collega Muriel Rosemberg (Université de Picardie Jules Verne) ha visto una buona partecipazione di relatori e pubblico. La letteratura in effetti, essendo ricca di elementi spaziali o ambientali, fornisce numerose indicazioni al geografo: in molte pagine vengono presentati i luoghi d’azione dei protagonisti, i paesaggi, i segni presenti in un determinato territorio, nonché tutte le valenze psicologiche di spazi vissuti e carichi di affettività.

Un secondo obiettivo consiste nell’indagare i testi letterari alla ricerca di spunti e strumenti per le ricerche geografiche, dedicando una specifica attenzione alla decodifica “critica” di descrizioni, simboli, narrazioni ed elementi carichi di valenze territoriali.

Il terzo obiettivo tiene conto del fatto che, da alcuni decenni, numerosi geografi hanno scoperto i vantaggi che possono essere tratti da riflessioni specificamente centrate sulle pratiche letterarie. Per questo il gruppo di lavoro ha l’ambizione di avviare una riflessione condivisa tra studiosi che spesso hanno fino ad oggi condotto autonomamente ricerche e sperimentazioni sul tema. Solo grazie a una condivisione di saperi, metodologie e approcci può infatti favorire la sistematizzazione di modalità di lavoro ben definite e potenzialmente foriere di interessanti sviluppi per la geografia.

A partire dall’analisi di una molteplicità di fonti letterarie quali la narrativa (alta, di consumo, regionale o anche locale), la poesia o la produzione odeporica, il gruppo di lavoro si propone come obiettivo ultimo di operare nella prospettiva del rafforzamento del valore euristico di questa branca della disciplina.

Principali eventi di interesse del gruppo

  • Congresso Nazionale AGEI di Roma, sessione “Geografia e Letteratura/Géographie et Littérature” coordinata da Dino Gavinelli (Università degli Studi di Milano) e Muriel Rosemberg (Université de Picardie Jules Verne).

Bibliografia di riferimento

Bachelard G., (1975), La poetica dello spazio, Bari, Dedalo.
Bailly A., Costantino V., (1987), “Insegnare agli uomini e apprendere dagli uomini: l’approccio della geografia letteraria”. In: Bianchi E., Perussia F., Rossi M. (a cura di), Immagine soggettiva e ambiente. Problemi, applicazioni e strategie della ricerca, Milano, Unicopli, pp. 349-360.
Botta G. (a cura di), (1989), Cultura del viaggio. Ricostruzione storico-geografica del territorio, Milano, Unicopli.
Brazzelli N. (a cura di), (2012), Isole. Coordinate geografiche e immaginazione letteraria, Milano-Udine, Mimesis.
Brazzelli N. (a cura di), (2013), Fiumi. Prospettive geografiche e invenzione letteraria, Milano-Udine, Mimesis.
Brazzelli N., Salvadè A.M. (a cura di), (2014), Mari. Saperi geografici e immaginario letterario, Milano-Udine, Mimesis.
Brosseau M., (1994), “Geography’s Literature”. In: Progress in Human Geography, pp. 333-353.
Brusa C., (1998), “La lettura geografica dei testi letterari: problemi di metodo e un esempio da Stendhal”. In:  Ciotti Almanza G., Baldoncini S., Studi in memoria di Antonio Possenti,  Macerata, Università di Macerata, Facoltà di Lettere e Filosofia, pp. 137-149.
Casari M., Gavinelli D. (a cura di), (2007), La letteratura contemporanea nella didattica della geografia e della storia, Milano, Cuem.
Chevalier M., (2001), “Géographie et littérature”. In: La Géographie. Acta geographica, n. 1500 bis fuori serie, Paris.
Collot M., (2014), Pour une géographie litteraire, Paris, Editions Corti.
Corna Pellegrini G., Scaramellini G., Viola G. E., (1987), Viaggiatori del Grand Tour in Italia, Milano, Touring Club Italiano.
Corna Pellegrini G., (2007), Geografia diversa e preziosa, Roma, Carocci.
Cosgrove D., Daniels E. (eds), (1988), The iconography of landscape. Essays of the symbolic representation, Cambridge, Cambridge University Press.
De Fanis M., (2001), Geografie letterarie. Il senso del luogo nell’alto Adriatico, Roma, Meltemi.
De Ponti P., (2007), Geografia e letteratura. Letture complementari del territorio e della vita sociale, Milano, Unicopli.
De Vecchis G. (a cura di), (2005), Verso l’altro e l’altrove, Roma, Carocci.
Farinelli F., (2003), Geografia. Un’introduzione ai modelli del mondo, Torino, Einaudi.
Frémont A., (2005), Aimez-vous la géographie, Paris, Flammarion, (ed. critica italiana a cura di Gavinelli D., 2007, Vi piace la geografia?, Roma, Carocci).
Gavinelli D., (2016), “Les transformations de Milan sous le regard de poètes italiens contemporains”. In: Espace Géographique, vol. 45, n. 4, pp. 335-341.
Gavinelli D., (2010), “Gli spazi della finzione letteraria e della geografia”. In: Enciclopedia Treccani online, http://www.treccani.it/scuola/tesine/letteratura_e_geografia/gavinelli.html
Gavinelli D., (2007), “Geografia e Letteratura”. In: Casari M., Gavinelli D. (a cura di), La letteratura contemporanea nella didattica della geografia e della storia, Milano, Cuem, pp. 5-14.
Lando F. (a cura di), (1993), Fatto e finzione. Geografia e letteratura, Milano, Etaslibri.
Lando F., Voltolina A., Atlante dei luoghi. Ipotesi per una didattica della geografia, Venezia, Cafoscarina, 2005.
Livingstone D., (1992), The geographical tradition, London, Blackwell.
Lucchesi F., (2012), “Sviluppi teorici e tematiche di indagine negli studi di Geografia umanistica: i paesaggi letterari e quelli cinematografici”. In: ACME Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano, LXV, II, maggio-agosto, pp. 93-220.
Lucchesi F. (a cura di), (1995), L’esperienza del viaggiare. Geografi e viaggiatori del XIX e XX secolo, Torino, Giappichelli.
Maggioli, M., Morri, R. (2009). “Tra geografia e letteratura: realtà, finzione, territorio”. In: Letteratura e geografia: parchi letterari, spazi geografici e suggestioni poetiche nel ‘900 italiano, Quaderni del ’900, 9, pp. 53-70.
Mallory W., Simpson-Housley P. (a cura di), (1987), Geography and Literature. A Meeting of the Disciplines, Syracuse University Press.
Marengo M., (2016), Geografia e letteratura. Piccolo manuale d’uso, Bologna, Pàtron.
Papotti, D. (2011), “Geografia e letteratura: affinità elettive e accoppiamenti giudiziosi”. In: Giorda C., Puttilli M. (a cura di), Educare al territorio, educare il territorio. Geografia per la formazione, Roma, Carocci, pp. 248-257.
Papotti D., (2006), “Paesaggio, fotografia e poesia: un incontro ricco di potenzialità”. In: Santoro Reale E., Cirino R. (a cura di), Identificazione e valorizzazione delle aree marginali. Il Contributo della Ricerca, della Didattica, della Società civile – Atti del 48 Convegno Nazionale AIIG, Campobasso, Art Déco – Digital Printing, pp. 255-258.
Persi P. (a cura di), (2003), “Parchi letterari e professionalità geografica: il territorio tra trasfigurazione e trasposizione utilitaristica”, In: Geotema, 20, Bologna, Pàtron.
Rosemberg M., (2016), “La spatialité littéraire au prisme de la géographie”. In: Espace Géographique, vol. 45, n. 4, pp. 289-294.
Rossi L., Papotti D. (a cura di), (2006), Alla fine del viaggio, Reggio Emilia, Diabasis.
Salter C., Lloyd W. (a cura di), (1977), “Landscape in Literature”. In: Resource Papers for College Geography, Association of American Geographers.
Salvadè A.M. (a cura di), (2015), Selve. Tra geografia e letteratura, Milano-Udine, Mimesis.
Salvadè A.M. (a cura di), (2016), Deserti. Rappresentazioni geografiche e letterarie, Milano-Udine, Mimesis.
Scaramellini G., (1993), La geografia dei viaggiatori. Raffigurazioni individuali e immagini collettive nei resoconti di viaggio, Milano, Unicopli.
Scaramellini G., (2008), Paesaggi di carta, paesaggi di parole. Luoghi e ambienti geografici nei resoconti di viaggio (secolo XVIII-XIX), Milano, Giappichelli.
Tissier J.-L., (1992), “Géographie et littérature”. In: Bailly A., Ferras R., Pumain D. (eds), Encyclopédie de Géographie, Paris, Economica, pp. 235-255.
Tuan Y.-F., (1976), “Humanistic Geography”. In: Annals of the Association of American Geographers, 66, pp. 266-276.
Westphal B (2007), La Géocritique : réel, fiction, espace, Paris, Éditions de Minuit.

Membri del gruppo

Dino Gavinelli (Università degli Studi di Milano), Cannizzaro Salvatore (Università degli Studi di Catania), De Andreis Simone (Università degli Studi di Genova), Giorda Cristiano (Università degli Studi di Torino), Lucchesi Flavio (Università degli Studi di Milano), Marengo Marina (Università degli Studi di Genova), Mastropietro Eleonora (Università degli Studi di Milano), Papotti Davide (Università degli Studi di Parma), Piastra Stefano (Università degli Studi di Bologna), Rossetto Tania (Università degli Studi di Padova), Scorrano Silvia (Università di Chieti-Pescara), Squarcina Enrico (Università degli Studi di Milano-Bicocca), Tanca Marcello (Università degli Studi di Cagliari), Zanolin Giacomo (Università degli Studi di Milano)

Add a Comment