L’uomo è la natura che prende coscienza di sé – Giornate della Geografia 2013 (Arcavacata di Rende, 14-16 giugno 2013)

GIORNATE DELLA GEOGRAFIA
14-16 giugno 2013
LABORATORIO DI GEOGRAFIA “Cesare Saibene”

“L’uomo è la natura che prende coscienza di se stessa”
Elisèe Reclus

Le differenti visioni del mondo che appartengono alla evoluzione del pensiero geografico moderno e contemporaneo potrebbero convergere verso un orizzonte sempre più caratterizzato dal bisogno di “assomigliare alla natura” nella sua concezione ontologica.
Anche l’essere umano è natura, è l’elemento pensante, è la ragione che esplora gli spazi alla ricerca del vero, è, forse, l’episodio più inquieto ed inquietante di tutta la realtà fino ad oggi nota.
Le relazioni che l’umanità contrae con gli elementi che considera natura e, in un certo senso, alterità da sé, sono l’espressione di tentativi di sintonia, di elaborazioni progettuali, di valutazione degli impatti, ma anche imposizioni di forme di potere, talora esasperate, talora compromissorie e, spesso, contraddittorie.
In questa occasione di dialogo tra geografi ed ospiti di altre discipline, si desidera proporre l’urgenza di un’educazione geografica innovativa, connotata come autocoscienza della Terra, attraverso un paradigma olistico ed un’appassionata curiosità del creato.

Programma delle giornate 2013

Contributi pubblicati su AST

Add a Comment